Il montatore Bob Murawski stava completando Spiderman 3 quando ha ricevuto una telefonata da un suo amico, Paul Ottosson, che era stato assunto come sound designer per il film “The Hurt Locker”.

La regista Kathryn Bigelow era alla ricerca di un montatore e voleva incontrarlo. Nel disperato tentativo di trovare un montatore che sarebbe andato in Medio Oriente, lei era già a fare sopralluoghi in Giordania.

“Sono stato un suo grande fan per anni”, ha detto Murawski. “Ho amato “Il buio si avvicina” (film del 1987, nda) ed ero eccitato circa la possibilità di lavorare sul suo film. Ho letto la sceneggiatura e anche a Chris (Innis, la co-montatrice, nda) è piaciuto. Abbiamo pensato che fosse fantastico!“.

Tuttavia, Murawski non solo era molto stanco dal suo lavoro su Spiderman 3, ma aveva altri impegni, e non poté entrare nel progetto subito

Si decise quindi che la montatrice Chris Innis, partner di Murawski, avrebbe seguito il montaggio sulle location e avrebbe consigliato la produzione sulle immagini di copertura. Murawski si sarebbe unito al film quando il set si sarebbe trasferito a Los Angeles.

“Quando sono arrivata erano già state effettuate riprese da tre giorni”, ha detto Innis. “Sono stati sollevati diall’avere qualcuno che non fosse in Medio Oriente durante l’ondata di guerra in Iraq. È stata un’esperienza incredibile.”

Perché “The Hurt Locker” ha un montaggio da thriller?

Il montaggio sul set è stato effettuato nell’ufficio di produzione di Amman, in Giordania. Il primo assistente Sean Valla si recava anche sul set per contribuire a elaborare la massiccia quantità di quotidiani. Il girato in 16 millimetri veniva spedito a un laboratorio a Londra una o due volte alla settimana da Rupert Lloyd, il runner del montaggio, il quale avrebbe poi trasportato i quotidiani filmati di nuovo in Giordania dove venivano inseriti in un sistema Avid che era stato portato da New York.

Dato che il film è stato girato in stile documentaristico con quattro e fino a sette macchine da ripresa, dodici ore al giorno, la produzione ha avuto a che fare con circa 200 ore di filmati – con uno shooting ratio di 100:1. Una quantità di girato estrema per Innis, ogni giorno.

“Ovviamente non c’era possibilità di tornare in Giordania per nuove riprese, quindi Chris ha dovuto mettere insieme quante più scene possibili, solo per vedere se mancava qualcosa o se ci fossero problemi”, ha spiegato Murawski. “Tutto ciò è stato molto importante per rimanere allineati con tutta quella quantità di riprese giornaliere“.

“Anche solo sedersi per guardare tutto quel materiale mi avrebbe portato via tre o quattro settimane”, ha aggiunto Innis.

Oltre alle nove settimane di editing ad Amman, quando Murawski e Innis sono tornati in California, hanno ottenuto un paio di settimane in più per completare la prima versione del film, che consisteva in circa tre ore e quarantacinque minuti.

Un altro film girato in Medio Oriente è stato Argo. Vuoi conoscere i segreti del suo montaggio?

“Il modo in cui Bob e io lavoriamo sul film, lo rendiamo più pulito possibile mentre lo stiamo montando”, spiega Innis. “Non è solo un montaggio di scene. Inseriamo musica, effetti “. I montatori hanno trascorso altri sei mesi serrati a Los Angeles fino a quando il film non ha raggiunto la durata di 130 minuti.

“Kathryn non voleva pensare al film come ad un unico grande pezzo,” dice Innis. “Voleva avvicinarsi ad ogni sequenza, una ad una, come se si trattasse di cortometraggi singoli. Lavorando al montaggio in questo modo, abbiamo fatto in modo che ogni sequenza è stata il più perfetta e lucida possibile”.

Mentre lavoravano, i montatori si scambiavano le scene avanti e indietro, in modo che nel film ci fosse un unico montatore e un’unica visione.

“Quando abbiamo guardato il film nel suo complesso, cercavamo di capire come inserire tutto in modo che entrasse alla perfezione nel film”, ha detto Innis. “Alcune cose sono state spostate per avere più impatto, per creare più tensione e più conflitti tra i personaggi e la narrazione.”

Mad Max Fury Road ha un montaggio frenetico pazzesco, ma efficace al 100%. Perché?

La sceneggiatura originale è stata grandiosa e non convenzionale, perché lo sceneggiatore Mark Boal era stato un giornalista, e la struttura ha posto delle sfide per la coppia di montatori. Ha creato uno splendido set-up dei personaggi, ma dividere grandi sezioni di scene in pezzi durante le riprese, ha fatto in modo che il sottotetto emergesse.

“Siamo stati in grado di migliorare quell’aspetto con il montaggio”, dice Innis. “Il sottinteso è una cosa bellissima con la quale giocare. Less is more, meno è meglio. Alcune volte bisogna dire qualcosa visivamente, e non farlo dire a voce dal personaggio.”

Avere 10-12 ore di quotidiani per una scena di dieci minuti è stata dura, ma Murawski ammette che tutti i film sono duri. “È solo una questione di fare il proprio lavoro. Si tratta di capire come raccontare la storia in modo elegante e raccontarla in un modo che scorra e avere una certa integrità artistica. Il film è stato girato in uno stile documentario ruvido, ma non abbiamo voluto seguire quello stile nel montaggio. Abbiamo voluto effettuare tagli in maniera convenzionale”.

“Abbiamo voluto trattare il film in modo più formale, come se fosse un classico thriller di Hitchcock … volevamo giocare con la suspense”, ha aggiunto Innis.

Nelle scene di azione, il team ha anche voluto evitare lil montaggio frenetico. Dato che il filmato è stato girato in uno stile sciolto, spesso attori che improvvisavano, i montatori hanno voluto dividere il montaggio in blocchi, in modo che le scene non solo avessero un senso geografico, ma fossero chiari i momenti personali con i personaggi, le emozioni e la narrazione.

Le scene potrebbero essere montate in vari modi, ma alla fine lo scopo del team è quello di trovare un punto di attenzione. “Bob è davvero bravo in questo”, ha detto Innis. “Si tratta di logica e su come impostare le cose e trarre il meglio da loro. È scegliere sempre la giusta inquadratura, al momento giusto.”

Vuoi conoscere i segreti del montaggio? Iscrivi al corso della Romeur Academy!