Grazie ai filtri sugli smartphone moderni, rendere in bianco e nero una foto è decisamente semplice e alla portata di tutti. Ma tralasciando questi strumenti, come si può realizzare questo effetto con una macchina fotografica? È possibile farlo anche in post-produzione? Vediamo le due tecniche più utilizzate per raggiungere il risultato desiderato nel migliore dei modi.

Rendere in bianco e nero una foto con la Fotocamera

Con le vecchie macchine fotografiche analogiche, per poter scattare in bianco e nero, era necessario scegliere il tipo di rullino adatto e cambiarlo prima di poter eseguire gli scatti. Con l’ avvento della fotografia digitale però, rendere una foto in bianco e nero è diventato piuttosto semplice, vediamo i 2 metodi principali di scatto:

  • Scatto in Jpeg: Se stai scattando in questo formato, tutto quello che devi fare è selezionare la modalità bianco e nero e procedere. In questo caso la macchina funziona esattamente come se avesse il rullino predisposto per questo stile;
  • Scatto Raw: Il vantaggio di scegliere lo scatto Raw è quello di poter conservare i dati dei colori che potrebbero tornare utili in fase di post produzione. Anche qui basta settare l’ opzione B&W sulla macchinetta.

Rendere in bianco e nero una foto in post-produzione

Capita spesso che uno scatto a colori non rispecchi l’ idea che volevamo esprimere quando lo abbiamo realizzato. Una soluzione per “rivitalizzarlo” è quella di applicare un filtro per renderlo in bianco e nero. Da molti fotografi quest’ operazione è considerata un errore, poiché il vero professionista che desidera da subito uno scatto in bianco e nero lo crea sul momento.

Impiegando alcuni programmi di fotoritocco, come ad esempio PhotoShop, è possibile realizzare questi effetti in pochissimi passi, di seguito elenchiamo alcuni dei metodi più diffusi:

  • Scala di Grigi: Questo primo metodo consiste nel lavorare direttamente sui dati RGB del colore. L’ opzione scala di grigi, presente in molti programmi di editing, può essere semplicemente cliccata per trasformare istantaneamente l’ immagine in bianco e nero perdendo però tutti i dati relativi ai colori;
  • Desaturazione: Anche in questo caso si interviene direttamente sui canali RGB della foto che però vengono mantenuti separati. I dati relativi ai colori non vengono dunque toccati ma regolando le varie barrette di rosso, verde e blu a 0 di saturazione, si otterrà un’ immagine in bianco e nero.