Come ogni anno il doodle di Google per il primo giorno d’estate fa parlare di sé sia per scelta artistica che per pallette cromatica! Ecco dunque una breve analisi critica da un punto di vista grafico sull’ultima proposta della Big G ai propri utenti per abbellire la propria pagina di ricerca.

Un omaggio al solstizio d’estate

Il 21 Giugno segna il solstizio d’estate e l’inizio della bella stagione, anche se quest’anno in termini metereologici il caldo torrido e le belle giornate di sole ci fanno compagnia già da inizio mese. Il doodle di Google è famoso per modificarsi a seconda di eventi importanti, celebrazioni o, come in questo caso, date importanti sul calendario.

La grafica scelta non è dunque casuale e ogni volta ha in mente un messaggio ben preciso da far arrivare ai propri utenti. Possiamo considerare questa immagine un ottimo esempio di comunicazione da parte della Big G.

Il doodle di Google per un estate serena

Ad un primo sguardo dato di sfuggita, lo stesso che il 90% degli utenti riserva ai doodle comunemente, si può evincere subito che le intenzioni di Google quest’anno erano chiaramente quelle di esprimere serenità. Il doodle di Google dedicato al solstizio d’estate  infatti quest’anno raffigura la terra immersa nello spazio mentre sorride osservando uno sdraio ed una palma su una spiaggetta tranquilla posti sulla sua sommità.

L’immagine, presentata con una scelta artistica semplice, quasi disegnata da un bambino, ha infatti lo scopo di augurare vacanze serene, aiutando chi ancora ne avrà per un po’ col lavoro, a pensare a quando potrà godersi quei momenti di relax ormai imminenti.

I colori rimangono sempre quelli distintivi del marchio della Big G, ma sono stesi con un effetto acquarello o tempera, a sottolineare nuovamente la “leggerezza” con cui il più famoso motore di ricerca del mondo si augura che i propri utenti affrontino le vacanze estive.